from 0,00$
Vedi Disponibilità

Chiostro del Paradiso

Chiostro del Paradiso, Via Salita Episcopio, Amalfi, SA, Italy
Non valutato

Durata

Prenotazione

Nessuna Prenotazione

Capienza

Unlimited

Lingue

English, Espanol, Francais, Italiano

Descrizione

Fatto costruire nel 1268 dall’arcivescovo Filippo Augustariccio, rappresentò a lungo il cimitero della nobiltà amalfitana. Col termine “paradiso” si indicava infatti nel Medioevo un luogo di sepoltura collegato ad una chiesa importante e circondato da un portico.

Il complesso architettonico, uno dei principali esempi del romanico amalfitano è costituito da un quadriportico coperto con volte a crociera e presenta lungo le pareti esterne archi intrecciati di stile moresco, che scaricano su coppie di colonnine marmoree con capitelli a stampella. Lungo la parete sud, a destra dell’ingresso, la Cappella della Crocifissione, la più notevole delle sei cappelline affrescate realizzate nel chiostro dalle famiglie aristocratiche amalfitane tra la fine del XIII e l’inizio del XIV se., il suo spazio interno è scandito da due archetti a sesto ribassato che scaricano su di una colonnina scanalata con capitello tardo antico.

L’affresco, di scuola giottesca, attualizza l’episodio della Crocifissione raffigurando i soldati in armature angioine. Nei due gruppi in primo piano, la Vergine Addolorata sostenuta dalle pie donne, e la Maddalena con S. Giovanni avvinti alla Croce. I numerosi incappucciati appartengono probabilmente alla congregazione del committente. In alto, Cristo fra i due ladroni. Uno degli angeli sospesi sulle croci sorregge un neonato a simboleggiare il trapasso dell’anima del ladrone. Strati sovrastanti mostrano inoltre resti di affreschi attribuibili al Cinque-Seicento.

Davanti alla cappella, un pluteo marmoreo avente da un lato un partito a tre funi intrecciate croci e ruote formanti nodi d’amore (motivi bizantini dell’VIII sec.), e dall’altro un bassorilievo del XVI sec. (Madonna con Bambino fra i SS. Andrea e Giovanni Battista). Sulla parete est, bassorilievo marmoreo con Madonna della Neve, dal pregevole panneggio delle figure; realizzato nella seconda metà del XV sec., è stato attribuito sia a Francesco Laurana che alla scuola di Domenico Gaggini.

Fra i numerosi capitelli, urne, sarcofagi e rocchi di colonne di età classica, i frammenti di mosaici medievali che facevano parte dell’ambone della cattedrale, fra le diverse lapidi e sculture rinascimentali e moderne, spicca lungo la parete nord, davanti ad una nicchia archiacuta, un sarcofago di finissima esecuzione e vivace forza espressiva. Di origine greca, forse proveniente da Paestum, è databile al IV sec. a. C. e mostra sul fronte il ratto di Proserpina.

Parte degli oggetti d’arte qui descritti, sono statibtrasferiti nell’attigua Basilica del Crocifisso ove è stato istituito il Museo Diocesano d’Arte Sacra.

Al di sopra dell’ala est del Chiostro Paradiso sorge il Palazzo Arcivescovile.

Mostra di più

Lingua

English
Espanol
Francais
Italiano

Servizi

Guida

Luoghi

Chiostro del Paradiso, Via Salita Episcopio, Amalfi, SA, Italy

Recensioni

0/5
Non valutato
Basato su 0 recensioni
Eccellente
0
Molto buono
0
Mediocre
0
Scadente
0
Molto scadente
0
Showing 1 - 0 of 0 in total

Scrivi una recensione

a partire da 0,00$

Richieste

Proprietario

AdAmalfi

Iscritto dal 2021